Documenti di ingresso

Un passaporto valido consente ad un cittadino europeo di fermarsi in Svezia 3 mesi. I cittadini provenienti da altri paesi dovrebbero controllare presso un ente diplomatico svedese le normative che regolano il loro accesso in Svezia.

L’accordo di Schenghen

La Svezia ha partecipato all’accordo di Schenghen che consente ad un cittadino europeo di viaggiare in Svezia tutte le volte che lo desidera. Queste regole si riferiscono solo ai passeggeri e non al traffico di merci e di capitale. Viaggiare in area Schenghen non richiede l’esibizione del proprio passaporto o della carta di identità,  ma sarà comunque necessario portarselo dietro come prova della propria nazionalità.

I viaggiatori dell’area Schengen saranno comunque soggetti a controllo, sia in partenza che in arrivo, sarà controllata sia la validità del passaporto che la propria identità.

Dogana

La merce elencata di seguito si riferisce a beni per uso personale che entrano in Svezia. I limiti per merce di altro genere non soggetti a tasse subiscono maggiori limitazioni.

Vino, alcol e birra: coloro che hanno 20 anni o più possono portare con sé 1 litro di alcol (in volume sarebbe più del 22%) oppure 2 litri di vino frizzante (in volume 15 / 22%), 4 litri di vino (un volume del 15%), 16 litri di birra (più di 3,5% di volume). Se porterete più alcol di quanto consentito dalla legge dovrete pagare.

Sigarette e tabacco: coloro che hanno 18 anni o più possono portare con sé 200 sigarette o 200 cigarillos, 100 cheroots, 50 sigari e 250 grammi di tabacco per pipa. Se porterete più tabacco della quantità consentita dovrete pagare.

Medicine: se le medicine sono per uso personale si possono tranquillamente far entrare. I narcotici sono consentiti per uso personale e per cure di 5 giorni, tre settimane o tre mesi al massimo. Il viaggiatore dovrà munirsi di certificato medico come prova che le medicine servono per curarsi. Per quanto riguarda le importazioni vi sono delle restrizioni sulla merce e sugli animali che seguono: narcotici, siringhe, droghe, armi, munizioni, coltelli, lame, cibo per animali e animali vivi come uccelli, rettili e pesci.

Dal 3 luglio del 2004 sono in vigore nuove normative per il trasporto di animali. Oggi per i cani, i gatti e i furetti è necessario il passaporto.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle